Nutrimento dei gattini tramite "gavage" Picture

English Dutch French German Italian Portuguese

[Tradotto da Elena di Luch, Allevamento Ankaperl]

Di Lies Klösters, 2006.

Con "gavage", si intende nutrire animali (o umani) inserendo un catetere per la bocca fino allo stomaco. Il gavage o ingozzamento è fortunatamente necessario di rado. Vi si ricorre soltanto quando l'animale è troppo debole per mangiare o succhiare da solo. Ciò può essere il caso di un animale vecchio indebolito dalla malattia, o può trattarsi di animali molto giovani che non hanno il riflesso di succhiare. Si dovrà spesso nutrire con ingozzamento dei neonati orfani per i quali non si trovano madri sostitute.

Le alternative al gavage

Se un gattino non può essere nutrito dalla madre, la migliore soluzione è trovare una madre in sostituzione che accetti di occuparsene. Tuttavia, di solito non si ha madri in sostituzione disponibili. Quindi la seconda alternativa è di dare il biberon o di usare il gavage. Questi due metodi utilizzano la stessa formula di latte. Tuttavia, se usiamo il biberon il latte non va direttamente nello stomaco come nell'ingozzamento: I gattini devono succhiare il biberon per ricevere il loro nutrimento. Alcuni inconvenienti del biberon rispetto al gavage sono i seguenti:

  • Nutrire gattini con il biberon prende molto tempo. Ingozzare vi economizza molto tempo.
  • Alcuni gattini mangiano da soli, cosa che rende difficile determinare esattamente quanto alimento hanno inghiottito e quanto ne hanno rigettato.
  • Con il biberon un gattino può soffocare. Se parecchio liquido entra nei suoi polmoni, può soffocarsi. Anche una piccola quantità di liquido nei polmoni può causare una inevitabile polmonite.

Composizione del latte

Tutte le femmine di mammifero producono latte per i loro piccoli. Tuttavia, la composizione del latte varia secondo le specie (vedere tabella 1). In generale, i piccoli animali hanno un metabolismo più rapido di quelli grandi. Poiché un piccolo animale può mangiare soltanto piccole quantità di prodotti alimentari allo stesso tempo, ma allo stesso tempo ha bisogno relativamente di più energia, il latte deve avere un valore nutritivo più elevato. è per questo che un latte di mucca o di capra (ad esempio) non è adatto ai gattini. Invece il latte di cagna è molto più vicino al latte di gatta. Un altro problema può essere causato dal tenore di lattosio: differisce enormemente secondo le specie e ciò può causare problemi. è meglio dunque utilizzare latte in polvere per svezzare i gattini. La formula è stata appositamente sviluppata e di conseguenza corrisponderà al meglio alle necessità dei gattini piuttosto del latte di mucca o di capra.
Il latte artificiale può essere comperato presso il vostro veterinario o da Internet. Esistono anche formule per prepararvi il latte da soli. Tuttavia, se non potete essere certi al 100% delle necessità dei vostri gattini, non lo preparate da soli ma comperate latte già pronto.

Specie Materie grasse
(%)
Proteine
(%)
Lattosio
(%)
Ceneri
(%)
Totale materie secche
(%)
Ratto 14,8 11,3 2,9 1,5 31,7
Gatto 10,9 11,1 3,4 --- 25,4
Cane 8,3 9,5 3,7 1,2 20,7
Capra 3,5 3,1 4,6 0,79 12
Vacca (Holstein) 3,5 3,1 4,9 0,7 12,2
Cavallo 1,6 2,7 6,1 0,51 11

Tavola 1: Composizione del latte di qualche mammifero.
Fonte: Robert D. Bremel, University of Wisconsin; Handbook of Milk Composition by R.G. Jensen, Academic Press, 1995.

Il gavage

Pubblichiamo quest'informazione nel caso in cui, per qualunque motivo, avreste bisogno di ingozzare i vostri gattini.

Potete ottenere cateteri e siringhe (4 cc) presso il vostro veterinario o per Internet. I tubi da gola esistono in varie dimensioni per i gattini, i cuccioli di piccola e grande razza ed anche per altri animali.

La prima volta che inserirete un tubo, ciò sarà difficile. Diventerà più facile con la pratica. Se è possibile, chiede al vostro veterinario (o a qualcuno altro pratico con questa tecnica) di mostrare come inserire il catetere. Intubare è qualcosa che potete perfettamente apprendere e fare da soli, voi non avete assolutamente bisogno dell'aiuto di un veterinario ogni volta.

L'esofago è più vicino alla colonna vertebrale che la trachea (vedere disegno 1). inserendo il tubo, lasciate appena scivolare verso la parte posteriore della gola ed esercitate una pressione leggera: è difficile mancare. Andrà meglio se inzuppate il tubo in un po' d'acqua o nel latte che volete dare al gattino. Ciò funziona da lubrificante ed inoltre il gusto del latte incoraggerà il gattino ad inghiottire il tubo. è probabile che il gattino resista all'inserimento del tubo, ma vorrà anche tentare di inghiottire il latte e dunque inghiottirà il tubo, il gattino stesso guiderà il tubo nell'esofago e non nella trachea.

cross section of the head of a cat
Figura 1: Sezione della testa di un gatto.
1 = cavità nasale, 2 = cavità boccale, 3 = laringe, 4 = trachea, 5 = esofago

Prima di inserire il tubo, misurate quale lunghezza di tubo deve essere inserita per raggiungere lo stomaco. Tenete il tubo lungo il gattino e misurate la lunghezza di tubo necessario: è la distanza tra la fine del naso e l'ultima costa. Utilizzate un pezzo di scotch per segnare la giusta distanza. L'estremità del tubo è nello stomaco quando il segno ha raggiunto la bocca del gattino (vedere figura 2).

cross section of the body of a cat
Figura 2: Sezione del corpo di un gatto.
1 = catetere con c la marque, 2 = polmoni, 3 = stomaco.

Se succede che il tubo entra nella trachea, non scivolerà fino al segno. Il catetere non supererà il punto dove la trachea si divide in bronchi, che conducono ai due polmoni. Se il diametro del tubo che utilizzate è troppo piccolo, può passare questo punto di divisione della trachea ai bronchi, assicuratevi dunque che il diametro del tubo che utilizzate sia adattato. Se il tubo non scivola dentro fino a che il segno raggiunga la bocca del gattino, o se sentite una resistenza, ritirate il tubo e ricominciate.

Se non siete ancora certi che il tubo è nell'esofago, aspirate molto delicatamente sulla siringa per verificare se sentite un vuoto crearsi. (Attenzione! Molto delicatamente! Lo scopo non è di danneggiare la parete dello stomaco). La parete dell'esofago è molto elastica e può essere aspirata dalla fine del catetere. Ciò ottura allora l'apertura del tubo e non potete aspirare più aria: sentirete un vuoto. La parete della trachea non è elastica come quella dell'esofago, ma rigida, poiché fatta di cartilagine di forma rotonda e non potrà dunque otturare il tubo. Potete così continuare ad aspirare l'aria dei polmoni del gattino. Siate dunque molto prudenti! L'otturazione dell'estremità del tubo con la parete della trachea o dell'esofago dipende anche dal tipo d'apertura del tubo. Quando l'apertura del tubo è diritta, la parete dell'esofago,non sarà attirata contro il tubo così facilmente di quanto quando l'apertura del tubo è leggermente sul lato. Quando sarete certi che il tubo è messo correttamente e che la sua estremità è nello stomaco, svuotate con calma la siringa.

Se la madre non ha abbastanza latte (ad esempio per una cucciolata molto numerosa), occorre semplicemente un complemento in prodotti alimentari. Certamente, il latte della madre è il migliore prodotto alimentare per un gattino. Finché la madre nutre la sua cucciolata non è necessario nutrire tutti i gattini con latte. è meglio nutrire i gattini più grandi e più pesanti, e non più piccoli. Infatti sono soprattutto i gattini piu' piccoli che hanno bisogno del latte migliore, quello della loro madre, i gattini più grossi ne verranno a capo molto bene con il latte artificiale. Quando i gattini più grandi sono soddisfatti e hanno lo stomaco pieno di latte, i più piccoli possono succhiare dalla madre tranquillamente. Nel corso delle altre poppate i gattini più grandi avranno in qualunque caso la loro parte di latte materno.

I gattini nutriti dall'uomo dipendono così spesso da voi per il "tocco finale". Normalmente la madre lecca la regione anale dei suoi gattini durante e dopo per stimolare la defecazione. Senza quest'incentivazione, i gattini non defecano. Allora non sperate di sedervi ed attendere che i gattini urinino e defechino da soli e che il vostro compito è soltanto quello di pulire in seguito. Dovrete stimolare i gattini simulando ciò che farebbe la loro madre. A volte la madre non ha latte ma si occupa comunque dei suoi piccoli. Allora avrete una possibilità: nutrite voi i gattini e la mamma si occupa del resto.
L'utilizzo di un tampone umido e caldo in cotone idrofilo può stimolare la defecazione dei gattini. Mettete questo tampone sull'addome, tra le gambe posteriori. Segni d'ustione possono prodursi quando sfregate il cotone sulla pelle, allora mantenete il tampone fermo ed effettuate un movimento circolare con il vostro indice sul tampone stesso. Pensate di stimolare i gattini dopo ogni gavage! Non dimenticate che la mamma non è molto delicata! Questo metodo è conosciuto "per far uscire" i testicoli nei ragazzi piccoli: non fa male!

I neonati devono essere nutriti ogni 4 ore in ragione di 2 ml di latte per volta. Dopo una settimana, l'intervallo tra una poppata e l'altra e la quantità di latte con gavage possono essere aumentati. Occorre inoltre sorvegliare il peso dei gattini: ciò vi mostrerà se la quantità di latte ed il numero di poppate è sufficiente per permettere al gattino di crescere. (All'incirca, in caso di crescita normale il peso deve raddoppiare nel corso della prima settimana).

Qualche trucco:

  • Assicuratevi che il latte sia caldo, ad una temperatura vicina a quella del corpo. Così i gattini non devono sprecare un'energia preziosa per recuperare la temperatura normale del loro corpo dopo essere stati nutriti con latte troppo freddo, e non rischiano neppure di bruciarsi la bocca o l'esofago a causa di un latte troppo caldo. La temperatura interna del gattino è di circa 38-39° Celsius.
  • Non mettete i gattini sulla schiena quando li nutrite. Non è una posizione naturale. Un gattino nutrito dalla madre è steso sul ventre o seduto.
  • Inserite il catetere molto delicatamente e ritirate rapidamente, ma non troppo rapidamente poiché ciò sarebbe doloroso. Se si ritira il tubo troppo delicatamente, il rischio è che alcune gocce di latte colino dal tubo e penetrino nei polmoni.
  • Il catetere può rendere la respirazione difficile, soprattutto se il suo diametro è importante. Non occorre dunque lasciare il tubo nel gattino più a lungo del tempo necessario, ma toglierlo immediatamente dopo il gavage.
  • Seguite sempre le istruzioni citate sull'imballaggio del latte che utilizzate. Aggiungendo troppa o troppa poca acqua, potete causare problemi ai gattini.

Links verso i fornitori

Catstuff Online Shop - feeding tubes
Arcatapet - KMR Powder
Catstuff Online Shop - Kolostralmilch
Medi-Vet.com - Syringes